dsk2012_invito(1)Slovenska narodna skupnost v Italiji bo tudi letos skupno proslavila dan slovenske kulture. Osrednja proslava bo v soboto, 11. februarja, ob 20. uri v gledališču Ristori v Čedadu, krovni organizaciji Slovenska kulturno-gospodarska zveza in Svet slovenskih organizacij pa jo prirejata v sodelovanju z osrednjimi kulturnimi organizacijami in ustanovami Slovencev v Italiji.
O proslavi, ki ima naslov NAŠ JEZIK JE GLAS NAŠE DUŠE, tako piše režiser:  “Glas – glas in beseda – glas in beseda in misel- jezik, zavest in melodija – naše zavedanje in naša melodija- po naše – po slovensko – od gora, čez Sočo, do morja!”
Kulturni spored, ki bo posvečen ustvarjalnosti Slovencev na Goriškem, Tržaškem in Videmskem, bodo oblikovali:  Beneški oktet s solistko Eliso Iovele, harmonikarski orkester GM Synthesis 4, pianist Alexander Gadjiev in violinist Aleš Lavrenčič, a tudi člana ansambla Slovenskega stalnega gledališča Nikla Petruška Panizon in Primož Forte ter mladi člani Beneškega gledališča.
Priložnostno misel bo podal arhitekt Dimitri Waltritsch, podelili pa bodo tudi priznanja, ki jih krovni organizaciji podeljujeta z namenom, da bi počastili zaslužne ustvarjalce in kulturnike v najširšem pomenu besede.

La  Giornata della cultura slovena, che avrà luogo sabato 11.febbraio 2012 alle ore 20.00  presso il Teatro Ristori di Cividale del Friuli è la manifestazione la comunità slovena del Friuli Venezia Giulia; è organizzata dalle due principali organizzazioni slovene in Italia SKGZ e SSO, in collaborazione con le maggiori associazioni culturali slovene presenti sul territorio.
La giornata della cultura slovena, che ricorre l’otto febbraio di ogni anno nell’anniversario della morte del poeta France Prešeren – ed è nella repubblica di Slovenia giorno festivo a testimonianza del valore che lo stato attribuisce alla cultura -, viene celebrata dagli sloveni ovunque, anche tra gli emigranti all’estero.
Oratore ufficiale sarà l’architetto Dimitri Waltritsch;   la manifestazione dal titolo La nostra lingua è la voce della nostra anima sta ad indicare che sarà la lingua slovena, nelle sue diverse forme ed espressioni, comprese quelle dialettali locali, la principale protagonista dell’importante appuntamento culturale, che gode del patrocinio del Comune di Cividale.
Frutto della collaborazione di diversi enti ed associazioni, mette sotto i riflettori la produzione ed il potenziale creativo degli sloveni in Italia. Sotto la regia di Marjan Bevk daranno vita allo spettacolo: il Beneški oktet con la solista Elisa Iovele, l’orchestra di fisarmoniche GM Synthesis 4,  Aleksander Gadijev al pianoforte  e Aleš Lavrenčič al violino, il poeta resiano Renato Quaglia, gli attori Nikla Panizon e Primož Forte del Teatro Stabile Sloveno di trieste e, infine, i giovani attori del Beneško gledališče.

Menu